Il tatuaggio della mano di Fatima

Il tatuaggio della mano di Fatima è molto usato pure in occidente, in particolare come stampa sui vesti oppure in forma di gioielli piccoli, per un ornamento da poter portare al collo oppure al polso. La mano di Fatima, rappresenta pure un buon soggetto per i tatuaggi, per il suo forte simbolico significato che va a rimandare a quella che è la sfera religiosa e quella spirituale. La mano di Fatima, difatti, è un potente simbolo che rappresenta la religione islamica.

Questo simbolo è pure noto come Khamsa che vuol dire cinque, come le dita di una mano ma, potrebbe far riferimento pure ai pilastri dell’Islam, è infatti, legata alla figura di Fatima, la figlia del profeta Maometto. E’ molto venerata fra i credenti, Fatima rappresenta per l’Islam il simbolo di una fede che è integerrima e miracolosa. Delle leggende dicono che la ragazza fosse capace, quando si ritirava nel deserto a pregare, di far piovere oppure di far sbocciare fiori dalla sabbia. La mano di Fatima è così negli anni diventata simbolo di devozione religiosa pure oltre il credo islamico.

Il disegno della mano di Fatima, viene fatto risalire in genere ad una leggenda che ha come protagonista la figlia del profeta Maometto. La leggenda narra che Fatima un giorno stesse in cucina per preparare la cena quando rincasando il marito, Alì, con un’altra concubina, fu molto sconvolta da tale visione che le cadde il cucchiaio nella pentola del semolino mentre lo stava mescolando e proseguì a farlo con le mani, senza potersi accorgere delle ustioni e del dolore fisico che poteva provare perché era tanto sconvolta nel suo animo. Soltanto quando il marito andò in cucina e si accorse di ciò che era successo, la medicò, Fatima iniziò a realizzare di essersi ustionata la mano e, sempre più sconvolta e disperata continuò a piangere pure quando il marito ritornò dall’altra concubina. Delle lacrime di Fatima, lo raggiunsero in modo misterioso e gli caddero sulla spalla: soltanto così l’uomo riuscì a capire la grandezza dell’amore di Fatima nei suoi confronti e decise allora di rinunciare ad altre concubine per sempre.

Altre leggende fanno risalire comunque le origini della mano di Fatima a tempi molto antichi. Per sumeri e babilonesi, ad esempio, quella oggi nota come mano di Fatima era un simbolo relativo a Inanna, divinità femminile che era legata alla fertilità della donna e della terra, al carnale amore ed anche alla bellezza. Non a caso che la mano di Fatima venga considerata un simbolo molto femminile, a volte anche usata disegnata oppure dipinta sul muro per poter delimitare gli ambienti di una casa oppure di un luogo pubblico riservati alle donne.